Archive for novembre 2015

h1

a chi piacciono i Minion?

25 novembre 2015

Volete sapere come ho fatto questi scaldamani Minion?

scaldamani minion

Ho avviato 39 maglie con lana blu su ferro 3 e mezzo e lavorato per 14 ferri alternando una maglia dritta e una rovescio.
Poi ho cambiato colore e sono passata alla lana gialla, lavorando 12 ferri a legaccio, tenendo due pezzi di filo blu per fare le bretelline del Minion.
Il 15° e il 16° ferro li ho fatti a legaccio con filo nero, poi ho proseguito con in giallo per altri 12 ferri e infine ho chiuso.

Ho ottenuto così un rettangolo e ne ho fatto uno speculare per l’altra mano.

min11

Con un uncinetto 3 ho realizzato gli occhi, facendo tre cerchi concentrici nero, marrone e bianco. Li ho cuciti insieme e bordati con un marroncino più chiaro per fare gli occhialonimin3

Ho poi cucito gli occhioni in corrispondenza della striscia nera, in posizione centrale rispetto alle bretelline.

20151125_113421

Non rimane che cucire il rettangolo lasciando un piccolo varco per il pollice.

min6

et voilà!

min5Li potete trovare nel mio negozio Ago e Filo 🙂

 

Annunci
h1

Pirografie

23 novembre 2015

Sono un po’ di anni che ho questo pirografo, e in passato l’ho usato per fare diverse cosette, le bomboniere per il battesimo della mia secondogenita ad esempio.

Poi c’è stato il regalo di compleanno per un signore molto simpatico del paese, una targa da appendere fuori dalla porta di casa:

20140826_091321

Poi c’è stata la targa commissionata dal comune:

tavola sindaci selci 2

E ora l’ho ripreso e ho creato dei piccoli quadretti di legno, da appendere, con incise varie frasi e citazioni:

quadretti

Li trovate in vendita nel negozio Ago e Filo!

h1

Come ti trasformo una vaschetta in decorazione per l’albero

20 novembre 2015

passo 1: acquistare al supermercato della frutta (o verdura, o carne) confezionata in vaschette di polistirolo

vaschetta1

passo 2: scartare la confezione, togliere in contenuto e lavare la vaschetta

vaschetta2

passo 3: munirsi di Big Shot e apposita fustella a forma di fiocchi di neve (state attenti al gatto)

vaschetta3

passo 4: pressare la vaschetta e passare nella Big Shot, ottenendo dei bianchi fiocchi di neve

vaschetta4

passo 5: incollare o cucire i fiocchi così ottenuti su dei cuori di pannolenci rossi, cucirli con punto festone a un cuore della stessa misura ma bianco.

et voità!

vaschetta5

h1

La nostra esperienza con l’Epilessia infantile.

17 novembre 2015

A proposito di lontananza del blog, vi racconto uno dei motivi della mia assenza.

A ottobre dell’anno scorso una mattina la nostra secondogenita (4 anni all’epoca) si svegliò strillando alle 5: corsi in camera dei bambini per consolarla, la abbiamo presa in braccio e ci siamo accorti che aveva degli scatti alle gambe. Le sue gambine si muovevano a scatti da sole, in modo ritmico. Lei ne era cosciente ed era spaventata perchè non riusciva a controllarle.
Non saprei dire quanto è durato, in quei momenti ti sembra che il tempo non passi mai.
Dopo qualche minuto le gambe si sono fermate, lei si è tranquillizzata e ci siamo tutti ripresi. Il pediatra sentenziò che si era trattato di crampi notturni dovuti magari a brutti sogni.

Dopo un mese successe di nuovo e quando capitò anche la terza volta prenotai una visita neurologica all’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù.
Facemmo la visita a marzo e la neurologa disse :
“Quando ricapiterà un episodio analogo, filmatelo in modo che io veda bene quello che succede. Nel frattempo prenotate un ElettroEncefaloGramma nel sonno, dopodichè ci rivediamo”.
L’EEG me lo prenotarono per settembre… (i tempi di attesa sono piuttosto lunghi…)
Io pensai “Magari si è trattato di episodi isolati, magari da qui a settembre non succede più nulla…”

A maggio, la bambina si svegliò di nuovo con gli scatti alle gambe e questa volta durarono di più: mio marito ed io ci preoccupammo e ci interrogammo se non fosse il caso di andare al pronto soccorso; nel frattempo facemmo alzare anche il primogenito in modo che eventualmente fosse pronto.
Gli scatti come al solito passarono, la bambina si tranquillizzò e ci rimettemmo tutti a letto ma stavolta non tranquilli: mettemmo la bambina nel lettone in mezzo a noi per tenerla sotto controllo.
Dopo neanche cinque minuti la bambina cominciò a essere scossa da tremiti in tutto il corpo, stavolta senza un lamento… silenziosamente.

Io in pigiama, mio marito rimasto vestito da prima… io con la bambina in braccio, una coperta al volo e ci fiondammo tutti e 4 in macchina: mio marito cominciò a guidare a velocità folle verso l’ospedale più vicino (vicino per modo di dire… mezz’ora di macchina, che si ridusse a venti minuti data l’urgenza).

Io tenevo la bambina in braccio e lei non era cosciente, aveva lo sguardo perso nel vuoto, gli occhi aperti che si muovevano a scatti verso sinistra; pallida, tutto il lato sinistro del corpo scosso da tremiti.
Mio figlio seduto di fianco a me, che si domandava probabilmente cosa stesse accadendo.
Io non sapevo cosa pensare: ho temuto che qualche malattia le avesse fulminato il cervello e me l’avesse ridotta così per sempre.
La chiamavo, le parlavo, e lei non c’era. Gli occhi erano aperti ma non mi vedeva.

Il tutto è durato un lunghissimo quarto d’ora.
Fino al momento in cui è diventata ancora più pallida e ha finalmente vomitato. E ha tirato un respiro come fosse uscita da un apnea. E ha iniziato a piangere come se si fosse appena svegliata. E ha detto “Mi fa male la bocca!” e io lì sono rinata…
E mio marito anche.

Siamo arrivati all’Ospedale Sant’Andrea che saranno state le 6 e mezza del mattino, al pronto soccorso siamo entrate subito e lei stava bene: tutte e due molto eleganti io e lei, in pigiama e sporche di vomito… ma lei stava bene e tanto mi bastava.
Le hanno fatto una risonanza e un eeg, dopodichè ci hanno diagnosticato (intanto si erano fatte le 13) un “assottigliamento della sostanza bianca della mielina”. Cause ignote. Ci hanno consigliato di essere trasferite al Policlinico Umberto Primo, a via dei Sabelli, reparto di Neuro Psichiatria infantile.

E fu così che è iniziata la nostra avventura alla ricerca delle cause di queste crisi epilettiche nel sonno.

h1

Un nuovo progetto.

17 novembre 2015

A quasi un anno di distanza dall’ultimo post torno per raccontare di un nuovo progetto che mi sta appassionando.

Prendi due mamme che si sono conosciute alla scuola dei loro figli: scoprono di avere in comune la passione per l’uncinetto, il lavoro a maglia, i filati, i colori e la fantasia. Da qui nasce una amicizia e un’idea: perchè non provare a vendere on line i prodotti realizzati a mano?

Con Antonella ho così creato il negozio Ago e Filo su Dawanda: troverete oggetti fatti all’uncinetto, a maglia, di stoffa… il negozio è in costante aggiornamento!

insieme