Archive for the ‘Corsa’ Category

h1

Corsa: prime soddisfazioni

9 marzo 2012

Questa settimana sono uscita a correre solo una volta, perchè nel fine settimana ci siamo dedicati alla potatura degli ulivi ed ero già a pezzi senza bisogno di andare pure a correre.

Però sono rimasta molto soddisfatta quando ho visto che il tragitto che le altre volte facevo con corsa+camminata+corsa, questa volta l’ho fatto quasi tutto correndo.

E dopo la corsa, meritato riposo per entrambe.

 

h1

Corsa, primi miglioramenti.

28 febbraio 2012

Questa mattina nuova uscita per correre.
Il percorso è rimasto sempre lo stesso ma ho corso più a lungo delle altre volte: risultato, sono rientrata a casa prima.
Se è sempre valido che

v=s/t

rimanendo s costante e aumentando v, allora t diminuisce. Tutto a posto quindi.

Fotografarsi mentre si corre forse è un po’ esagerato.. 

Sono rientrata meno congestionata e ho ripreso fiato più in fretta tra una corsa e l’altra: sono molto soddisfatta.
Dalla prossima volta aumenterò la lunghezza del percorso per scoprire nuove frontiere del magico mondo della corsa.

 

h1

Correre: si ricomincia

24 febbraio 2012

Prima ci si è messa la neve, che ha mandato nel panico strade e sindaci e mi ha lasciata con i bambini a casa causa scuole preventivamente chiuse.
Poi ci si è messa l‘influenza intestinale, con vomito ininterrotto per 24 ore, digiuno per 3 giorni e conseguente dimagrimento e fiacca e stanchezza.
Infine ci si è messo il ciclo, che il primo giorno mi spezza le gambe e mi rende incapace di intendere e di volere, figuriamoci di correre.

Ma questa settimana finalmente ogni impedimento era svanito all’orizzonte e ci ho riprovato.

Innanzitutto ho acquistato un paio di scarpe da ginnastica nuove, che quelle vecchie avevano almeno un decennio (che io prima di buttare qualcosa la uso e riuso e riuso ancora).
Dopodichè, bambini a scuola e mamma in tuta e scarpe da ginnastica in giro a corricchiare.

Cosa ci sarà dopo questa salita?

Ho ripreso il programma per principianti e l’ho adattato alle strade che ci sono qui intorno: per evitare di correre in salita ho allungato un po’ i tempi in modo da far coincidere i minuti di corsa con i tratti pianeggianti e quelli di camminata con le salite e discese.

Mi sento ancora un po’ in modalità mozzarella: al termine della mezzora di corsa+camminata sento il sangue che scorre velocissimo e pulsa alle tempie.
Ho intenzione di seguire lo stesso percorso in modo da notare i miglioramenti “Settimana scorsa in questo punto mi fermavo, ora provo a superarlo“.

C’è chi mi sconsiglia di correre perchè la corsa fa dimagrire troppo e io sono già un po’ sottopeso.
Ma io non ho intenzione di fare chilometri tutte le mattine, mi basta una mezzoretta due o tre volte la settimana, così tanto per muovermi un po’. Nel dubbio, ho comprato un paio di tavolette di cioccolata per riprendere subito le calorie smaltite.

h1

L’abbigliamento per correre

9 febbraio 2012

 

Mi sono messa in testa questa idea di cominciare a correre e non sarà certo il freddo a fermarmi!

h1

Muoviamoci!

8 febbraio 2012

E’ da un po’ di tempo che ho voglia di muovermi, fare ginnastica, movimento: non che non ne faccia già abbastanza tra la spesa, le scale, i sacchi di pellet da portare su dalla cantina, i bambini, la pulizia di casa.
Ma avevo voglia di aggiungere qualcosa.
Ho pensato: mi iscrivo in palestra? In piscina?
Non vi nascondo che il primo problema è economico: tra i bambini che vanno entrambi in una scuola privata e le spese che avremo in futuro da affrontare per la nuova casa, non mi andava di aggiungere una ulteriore spesa mensile.

Poi sul sito Minimo, che seguo da un po’ di tempo (downshifting e minimalismo) ho letto questo post e ho pensato: la corsa! Perchè no!
Abito in una zona periferica, residenziale, senza traffico: posizione che porta svantaggi come l’essere isolati e l’avere bisogno della macchina per qualunque spostamento, ma anche vantaggi come l’aria pulita e spazio in abbondanza per correre senza respirare smog.

In passato a volte ho corso: andavo con mio padre o con una amica a correre nelle ville ma non è mai stata una cosa organizzata come attività continua.
Questa volta voglio fare diversamente: come se mi iscrivessi in palestra. Voglio pensare che mi iscrivo alla corsa, con frequenza di almeno due volte la settimana.

Non voglio correre per dimagrire, ho un metabolismo che mi regala un fisico asciutto anche dopo due gravidanze.
Non voglio correre per allenarmi alla maratona, non ho obiettivi specifici.
Voglio correre per muovere questo corpo che, nonostante gli sforzi quotidiani, sento un po’ intorpidito.

Sono andata sul sito Runlovers e alla sezione Per iniziare ho visto quali erano i primi passi da fare.
Il programma per la prima settimana comprende 1 minuto di corsa leggera alternati a 2 minuti di camminata per 9 volte (tot. 27 minuti)
Quando ho letto 1 minuto di corsa leggera ho ridacchiato, pensando “Non sarà troppo?”
e invece…

Nel fine settimana, dopo la nevicata che ha bloccato il Lazio costringendoci a casa e impendendoci di prendere la macchina, ero andata a piedi da casa al supermercato: 3 km tra andata e ritorno con grandi discese ovvero salite al ritorno con la busta della spesa. Ero tornata a casa soddisfatta, tonica, accaldata e ho pensato: sono pronta.

Stamattina, nonostante le basse temperature e residui di neve ai bordi delle strade, ho deciso che potevo cominciare.
Ho messo la tuta, un maglione, un giacchetto, scarpe da ginnastica e cappello e sono partita.
Ho camminato per 10 minuti per superare la parte tutta salita-discesa per raggiungere la strada pianeggiante, poi ho lanciato il timer dell’iphone e sono partita.
Adrenalina, aspettativa, ritmo, euforia.
A un minuto ho pensato “Chi mi ferma più? Provo a continuare” ma già a un minuto e poco più polmoni infuocati e ginocchia affaticate. Cavolo, quel programma sapeva il fatto suo, 1 minuto di corsa leggera per iniziare evidentemente è più che sufficiente.

Morale della favola: sono stata fuori mezzora. Il primo passo è fatto.
Ci rivediamo alla prossima puntata.