h1

Il mio pane fatto in casa

20 marzo 2012

Oramai è un anno che faccio (quasi) regolarmente il pane in casa con la pasta madre: la ricetta è qui.
Ma ora ho cambiato i tempi.
Quando si usa la pasta madre la cosa più lunga è la lievitazione, così dopo numerosi esperimenti credo di aver trovato il sistema ottimale.

1) ore 8, tiro fuori la PM dal frigo per farla tornare a temperatura ambiente.
2) ore 10, primo rinfresco
3) ore 14, secondo rinfresco
4) ore 17, terzo rinfresco
5) ore 21, impasto seguendo la ricetta riportata sopra: metto l’impasto in una ciotola ricoperta da pellicola trasparente e metto la ciotola nel forno chiuso
6) ore 8 del giorno seguente, sgonfio un po’ l’impasto, lo arrotolo a formare un filone, lo metto sulla teglia e metto la teglia nel forno chiuso con un pentolino di acqua bollente sul fondo a lievitare di nuovo.
7) ore 10, inforno.

pane

Annunci

12 commenti

  1. Ecco, faccio tutto uguale…a parte che faccio un solo rinfresco…quindi col cavolo che il pane è come il tuo!
    Da domani si va con due rinfreschi (lavorando 3 è impossibile).
    Grazie!


  2. io ho sempre letto di 3 rinfreschi, magari con 2 lievita un po’ meno ma sempre meglio che uno solo 🙂
    Dai riprova e aggiornaci!


  3. Ecco, queste indicazioni capitano a fagiolo visto che oggi ero passata di qua per cercare indicazioni sul pane! Proprio ieri ho avuto in dono un vasetto con della preziosissima pasta madre, e questo week end scatterano gli esperimenti! Mi domandavo se servissero due rinfreschi, ma vedo che tu ne fai addirittura tre… °_° non so se con le tempistiche ce la farò, magari proverò prima con due.
    l’importante, da quanto mi pare di aver capito, è accertarsi che sia i rinfreschi che la pagnotta a fine lievitazione abbiano un volume doppio rispetto a quello del materiale di partenza, ho capito bene?


  4. Ciao manu, contenta di darti delle dritte!
    Guardate, se mi dite che bastano due rinfreschi io ne faccio due molto volentieri, tutto tempo risparmiato. 🙂


  5. Che meraviglia questo pane… prima o poi mi deciderò a preparare la pasta madre…


  6. Wow! devo provare questo pane!


  7. Che meraviglia, non avrò mai il tempo di fare tutti questi procedimenti e mi devo accontentare del pane fatto con la Mdp senza pasta madre.


  8. Che sia fatto con la pasta madre o col lievito di birra, col forno o con la macchina del pane… sicuramente fatto da noi è più sano ed economico!
    L’altro giorno ho comprato un chilo di ciabattine: 3 euro.
    3 euro!!


  9. Io ho provato un paio di volte, con due procedimenti diversi, ed entrambe le volte il pane è risultato ben lievitato, ben cotto, digeribile ma la pagnotta era… pesaaaaaaaaaaaaaaante da morire! Non so se sia una caratteristica di questo pane, perchè anche i grissini fatti con la pasta madre (ne avevo decisamente troppa) sono cotti ma più pesanti del solito, o se dipenda dal pentolino d’acqua durante la cottura… la tua esperienza’?


  10. effettivamente anche a me vengono sempre dei bei mattoni…


  11. Visto che sei una veterana e mi confermi che se tiri la pagnotta rischi di far male a qualcuno, allora sarà proprio la pasta madre a dare queste caratteristiche!


  12. […] nostra nuova blog-collaboratrice per il progetto idee per le mamme, entusiasta e battagliera, a Francesca, e alle tante altre amiche capaci – con mia grande ammirazione – di prepararsi la pasta […]



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: